Investire nella figura dello psicologo aziendale significa investire nel futuro e nel successo dell’azienda stessa. Nel vortice delle giornate lavorative, tra scadenze, riunioni e report da inviare, spesso tendiamo a perdere di vista la componente più preziosa di un’impresa: le persone. Eppure, è proprio nel benessere emotivo e nella serenità dei dipendenti che risiedono le soluzioni per un ambiente lavorativo produttivo. In questo contesto, la figura dello psicologo aziendale si fa garante del rispetto e della cura di quell’elemento umano troppo spesso trascurato nella frenetica rincorsa ai risultati.

Il ruolo dello psicologo in azienda non si esaurisce nelle semplici pratiche di coaching, formazione e selezione del personale. Rappresenta, piuttosto, una figura chiave per sostenere il benessere individuale dei dipendenti e monitorare attentamente il clima emotivo.

Le aziende che hanno introdotto questa figura professionale hanno assistito, con grande soddisfazione, a un significativo miglioramento dell’ambiente lavorativo, con vantaggi tangibili per l’intera squadra.

La soddisfazione nei luoghi di lavoro va coltivata

Migliorare le prestazioni lavorative e il clima d’ufficio dovrebbe essere un obiettivo primario di ogni realtà aziendale, estendendo il campo d’azione ben oltre le semplici ore trascorse sul posto di lavoro. Oggi, è fondamentale integrare lo sviluppo organizzativo con l’esigenza di sviluppare le competenze personali dei dipendenti, favorendo in questo modo il benessere collettivo. Se il singolo lavoratore è felice e soddisfatto della propria vita, i risultati in termini di produttività non tarderanno ad arrivare, “contagiando” positivamente anche i colleghi.

Già nel 1979, Michael Gruneberg, pioniere nello studiare la soddisfazione sui posti di lavoro, nel suo Understanding Job Satisfaction scriveva: “La qualità dell’equilibrio psicofisico ha necessariamente ripercussioni sull’ambiente di lavoro. La soddisfazione nei luoghi di lavoro va coltivata, non c’è dubbio e non è un’utopia”. Introdurre la figura dello psicologo in azienda significa, in questo senso, migliorare in modo concreto il welfare aziendale.

Numerosi esperti sostengono che le emozioni positive in ufficio predispongono naturalmente alla cooperazione e all’onestà, migliorando di conseguenza anche i livelli di produttività. La soddisfazione del singolo dipendente diventa, dunque, di vitale importanza per iniziare a porre le basi per una condizione di benessere per l’intera collettività.

La soddisfazione personale, senza alcun dubbio, influisce in termini positivi sulla performance lavorativa: i dipendenti felici sono maggiormente propensi a impegnarsi, si sentono parte di un gruppo e percepiscono chiaramente il valore del loro lavoro.

Lo psicologo interviene su molti aspetti della vita aziendale

La presenza dello psicologo porta benefici  ai singoli ma anche all’intera organizzazione.

  • Individua in modo tempestivo situazioni di crisi
  • Evita delle dinamiche distruttive
  • Migliora il dialogo tra colleghi, tra dirigenti e dipendenti
  • Migliora il clima interno
  • Esalta e supporta le soft skills dei dipendenti

Grazie al sostegno psicologico offerto dall’azienda, i dipendenti potranno migliorare in modo concreto il benessere personale e quello generale. Molto spesso i vertici non hanno un’immagine esaustiva della condizione reale dei propri collaboratori, ma assumendo un esperto potranno misurare  la soddisfazione del team in modo davvero semplice.

Manager della felicità per creare empatia e relazioni

In America – e ora anche in Italia –  esiste già da qualche anno la figura del manager della felicità, Chief Happiness Officer(CHO), una risorsa dedicata ad assicurare l’ascolto, comprendere i bisogni dei dipendenti e intervenire nelle situazioni più critiche.

Insomma, investire nel benessere emotivo dei lavoratori non è solo un gesto di umanità, ma una scelta strategica per garantire un ambiente lavorativo sano, produttivo e di successo.

Il nostro programma di corporate wellbeing prevede Educational meeting e incontri personalizzati con lo psicologo. Leggi per saperne di più.

Può anche interessarti:

Corporate well-being: il Metodo entra in azienda